Di chi sono i mezzetti?

di Chiara Calò

Il mese di Maggio riserva, per i frigentini, un giorno di festa: il 9 Maggio, la festa della Madonna del Buon Consiglio, divenuta ricorrenza religiosa soltanto a partire dal 1920. L’indissolubile legame tra questa festività e i tipici ‘mezzetti’ va, però, ricercato in uno dei simboli di Frigento: San Rocco.
Proprio in occasione della processione per il Santo Patrono, secondo alcune fonti fotografiche risalenti al 1903, si possono già individuare dei mezzetti portati in dono al Santo e ai poveri.
Il mezzetto, prima ancora di diventare un simbolo religioso, è un’unità di misura, infatti può contenere 23kg di grano al suo interno. In questo modo il fedele poteva misurare la grandezza del dono da portare ai piedi del Santo il 16 Agosto.
Per i religiosi, il mezzetto fu la scelta migliore per onorare anche la Madonna del Buon Consiglio, ma è di sicuro una tradizione più recente.
In questo caso i devoti, il 9 Maggio, portano individualmente un mezzetto pieno di grano presso il Santuario del Buon Consiglio, che va svuotato in una grossa cassa in segno di riconoscenza.
Va sottolineato che il mezzetto nasce come unità di misura del grano da destinare al Santo, per cui la versione decorata a cui siamo abituati è stata raggiunta soltanto con il passare del tempo.
Oggi Frigento conta una trentina di mezzetti provenienti da varie famiglie del paese, che solitamente sono esposti nel Santuario sia nel giorno della Festa sia nelle settimane successive. Inoltre, solitamente un componente della famiglia che ha effettuato l’offerta, si ritrova a sfilare per le vie del paese con il mezzetto sulla testa, in segno di gratitudine.

Nell’immagine un tipico esempio di mezzetto.
Condividi:
Torna su